..

Ritorna alla lista

Condividi  

Stage di base

 

Per animatori di colonie, campi e centri estivi di vacanza, responsabili di attività educative e di animazione per bambini e ragazzi.

 

Lo stage di base è strutturato per la formazione di animatori di colonia o di altri centri di animazione e di soggiorno per ragazzi e più in generale per coloro che si occupano di proporre attività educative e di animazione.

Durante questo stage si affronterà un’intensa e strutturata serie di attività educative che si presteranno poi ad essere riproposte a bambini e ragazzi, che risultano essere divertenti ed affascinanti anche per l’adulto che le pratica e le esercita. Lo stage darà l’occasione di sperimentare alcune attività ma anche di discutere la struttura ed i contenuti educativi della colonia e dei soggiorni di vacanza odierni, nonché i metodi pedagogici che permettono di realizzarli. Verranno inoltre proposte attività che permetteranno di riflettere sulla figura del partecipante e su quella dell’animatore/educatore.

Lo stage è organizzato con un programma che si basa sui seguenti aspetti:

il centro di vacanza;
i metodi d’intervento e la nozione di progetto pedagogico;
il partecipante e i suoi bisogni;
la figura e il ruolo dell’animatore/educatore;
la riflessione sui diversi momenti della giornata, delle attività e sulla loro organizzazione;
ideazione, realizzazione e discussione (attività manuali, espressive, musicali, giochi di movimento in ampi spazi, cantati, d’ambiente, espressivi, ecc.)

 

scarica qui il volantino

DATE E ORARI:
da venerdì 25 marzo (mattino) a sabato 2 aprile

ISCRIZIONE:
Entro il 4 marzo



LUOGO:
Arzo, Casa la Perfetta

COSTO:
250.- franchi

RESPONSABILE:
Jone Galli

ATTESTAZIONE:
Alla fine del corso verrà rilasciato un attestato di partecipazione a 100 ore di formazione.

OSSERVAZIONI:
numero minimo di partecipanti:    25
numero massimo:    35

Lo stage è residenziale (si dorme sul posto) e richiede la partecipazione a tutte le attività, anche il giorno di Pasqua (vi sarà la possibilità d’andare a Messa). L’esperienza di vita collettiva rende solitamente l’ambiente dello stage caldo ed amichevole permettendo così ad ognuno di esprimersi al meglio in un clima di reciproco scambio, costruendo o accentuando le proprie conoscenze e capacità. La vita collettiva impone però anche l’assunzione di certe responsabilità e il rispetto delle norme di vita comunitaria.

Chiediamo assiduità e disponibilità, dunque ad organizzarsi in modo che altri impegni non coincidano con le date dello stage.



La formazione è sussidiata dal Cantone e dalla Confederazione: la quota di iscrizione indicata vale quindi solo per gli iscritti domiciliati in Svizzera o per chi opera in una struttura della Svizzera italiana.

INFORMAZIONI:
Jone Galli

076 6795207

jone@cemea.ch

..